Dante
Sonetto sulla Garisenda
del 1287
(è il più antico testo di Dante che si conosca)

No me poriano giamai fare menda
de lor gran fallo gl'ocli mei, set illi
non s'acechasero, poi la Garisenda
torre miraro cum gli sguardi belli

E non conover quella, ma' lor prenda,
ch'è la magior de la qual se favelli
Per ciò ciascun de lor vòi che m'intenda
che giamai pace non farò con elli

Poi tanto furo che ciò che sentire
dovevan ei a rason senza veduta
non conover vedendo, onde dolenti

sun li mei spiriti per lo lor falire
e dico ben se 'l voler no me muta
ch'eo stesso gl'ocidrò qui scanoscenti